Perestroika

18.11.07

Spot RAI: Vogliamo una televisione che assomigli a te

Gira in questi giorni sulla RAI uno spot, il cui slogan è: "Non vogliamo che tu assomigli alla televisione, vogliamo una televisione che assomigli a te."

Io ho sempre pensato che sarebbe bello avere una televisione migliore di chi la guarda, affinché da essa si possa imparare. Ricordate il maestro Manzi? Ecco, bastava continuare così..

Certo, ora come ora abbiamo una televisione molto peggiore dei telespettatori, ed è tutto dire.

Etichette: , , ,

11.11.07

Totti: spot di distrazione di massa

Ai minimi termini, il concetto di testimonial pubblicitario consiste in un personaggio, giudicato affidabile e carismatico, che consiglia di usufruire di un determinato prodotto.

Totti: spot di distrazione di massa

Il primo è il suo sponsor personale, il secondo lo sponsor della Roma. Quale dei due consigli di Totti dovremmo accogliere? La domanda sarebbe sensata, se fare pubblicità non fosse ormai soltanto fonte di guadagno per il testimonial e fonte di visibilità per le aziende, in barba ai messaggi contrastanti e in barba a me, che mi faccio troppe domande.

Etichette: , , , , ,

10.11.07

La Santanchè lascia An e va con Storace

Saluta a modo suo Fini...
Daniela Santanchè 1

...saluta affettuosamente Berlusconi...
Daniela Santanchè 2

...che poi si bulla con Fini...
Daniela Santanchè 3

...e prepara il suo ingresso ne "La Destra".
Daniela Santanchè 4

Etichette: , , , ,

Enrico Mentana, il Congo e lo Zaire

Il fatto, in breve: stasera a Matrix, occupandosi del delitto Meredith, un inviato intervista un possibile testimone a discarico di uno degli indagati, il quale riferisce di aver sentito alcuni avventori di un pub parlare di politica congolese. Al ritorno in studio, riepilogando i fatti prima di porre una domanda agli ospiti in studio, Mentana riferisce "(...) sentito discutere di fatti politici dello Zaire (...)".

Peccato che, come potete leggere su Wikipedia, la Repubblica Democratica del Congo assunse la definizione di Zaire nel 1971 e l'abbandonò nel 1997.

Non è che una frecciatina, non tutti possono sapere tutto, però... però... Enrico Mentana è uno dei giornalisti più famosi d'Italia, per tanti anni è stato redattore e poi direttore di TG nazionali. Un pochino non m'è andata giù.

Etichette: , , , , ,

6.11.07

L'ispettore Coliandro

Se non sapete cosa guardare, non avete voglia di impegnarvi in una serie lunga, e cercate qualcosa che vi diverta, senza pensieri e assilli, ma senza sbracare nel decerebrato, datemi retta.

Guardate Coliandro.

Miniserie di 4 episodi da 90 minuti, ognuno guardabile a se stante, un concentrato di azione, divertimento, ironia, dialoghi degni dei migliori telefilm USA. Sotto l'egida di Carlo Lucarelli, e con un protagonista spassoso da morire. L'avevo visto in tv, negli ultimi giorni me lo sono riguardato, ed è una cosa che faccio di rado. Siete ancora qui? Che state aspettando?

http://forum.tntvillage.org/tntforum/index.php?showtopic=54200
http://forum.tntvillage.org/tntforum/index.php?showtopic=54553
http://forum.tntvillage.org/tntforum/index.php?showtopic=54771
http://forum.tntvillage.org/tntforum/index.php?showtopic=54968


Dopo averlo guardato, v'incazzerete pure voi, al pensiero che prodotti come Coliandro e Montalbano sono realizzati in Italia, e sono la dimostrazione che, se si volesse, ci sarebbero i mezzi tecnici e culturali per fare telefilm grandiosi come quelli americani.

Quasi dimenticavo :-)

L'ispettore Coliandro - Star Trek

Etichette: , , ,

31.10.07

La Numero Uno di Paperone

Paperone compie 60 anni, e la Disney, per festeggiarlo, allega a Topolino la riproduzione della famosa moneta. Solo che... ci scrive sopra "1 Cent - Banca di Paperopoli 2007", quando invece:

- Non è un centesimo, ma una moneta da 10 centesimi.

- Non è stata coniata certamente a Paperopoli, visto che PdP l'ha guadagnata molto prima di arrivarci, forse quando cercava oro in Klondike.

- 2007????????????????? Ma ROTFL

Che squallore, com'è ridotta male la Disney. Ah, dimenticavo, non è gratis, hanno aumentato il prezzo dell'albo settimanale, per l'occasione.

Etichette: , , ,

24.9.07

Cacciatori nelle tenebre

Testi: Gianrico Carofiglio
Disegni: Francesco Carofiglio
Editore: Rizzoli
Collana: 24/7
Pagine: 143
Data pubblicazione: 12/9/07
Prezzo: € 15,00


Parafrasando qualcuno molto in alto: prendete e leggetene tutti.
Scritto dall'autore di Testimone inconsapevole, e del filone di romanzi gialli con protagonista l'avvocato Guerrieri, e disegnato da suo fratello, sceneggiatore e scrittore di mestiere, finora disegnatore solo per hobby.
Per chi ha letto i (bellissimi) romanzi di Carofiglio, il protagonista di questo fumetto è un personaggio secondario dell'universo narrativo in cui agisce Guerrieri: l'ispettore Tancredi, poliziotto mooolto particolare. Dopo imprecisate vicissitudini, viene messo a capo di una sezione speciale della questura barese, ad occuparsi di persone scomparse, in particolare minori. Si costruisce la sua squadra "raccattando" poliziotti scorbutici e reietti, ma capaci. E incappa per caso nell'indagine che fa da ossatura al volume.

La storia inizia misteriosamente e fluisce in una lettura compiaciuta, soddisfatta, fino all'ultima pagina. Non vi dico niente della trama, mi sembrerebbe di sciuparla. Lo spin-off, quasi gli anfratti di Bari non bastassero a sancire l'appartenenza alla saga di Guerrieri, vede quest'ultimo inquadrato di nuca mentre saluta l'ispettore. Una chicca, nulla di più.

I disegni sono in bianco e nero, molto in stile Sin City, ed infatti nell'intervista di Mollica ai due autori, in appendice all'albo, Frank Miller è citato fra i loro punti di riferimento fumettistici, insieme ad Hugo Pratt, ed i marvelliani Silver Surfer, DareDevil (quello di Miller, appunto) e soprattutto i Fantastici 4. Quattro, come i protagonisti del fumetto in oggetto.

La Rizzoli gli ha dedicato un minisito, il buon RRobe una polemicuccia sui disegni: ha identificato la copertina come la riproduzione di una vignetta di Sin City e le fattezze di Tancredi come quelle del commissario Gordon, in Batman; Carofiglio dice invece di aver preso a modello l'attore Richard Dreyfuss.

Che altro dire... se non che ve lo consiglio molto caldamente. Non posso dire che i 15 euro del suo prezzo siano stati ben spesi solo perché... mi è stato regalato per il mio compleanno. Un regalo graditissimo!

Etichette: , , , , , , , , , ,